1  2  3  4  5  6  7  8  9  10  11  12  13  14  15  16  17  18  19  20  21  22 
 
LIBRI
DVD / VHS
FUMETTO ILLUSTRAZIONE GRAFICA
RIVISTE
AUTOPRODUZIONI
MUSICA
USATO REMAINDERS
 
CERCA NEL CATALOGO
NEWSLETTER
 
   
 

presentazione libri
MERCOLEDI 24 OTTOBRE 007, ore 21,30

Il mondo senza la mappa.

Elisée Reclus e i geografi anarchici

un libro di Federico Ferretti (Zero in Condotta, 2007)


ne discutono con l'autore

Franco Farinelli , geografo, direttore del Dipartimento di Scienze della Comunicazione dell'Università di Bologna
Béatrice Collignon , docente di Geografia all'Université Paris 1 - Sorbonne


Élisée Reclus, geografo di grande fama e successo editoriale ai suoi tempi, nonostante fosse proscritto dalle università e dalla sua stessa nazione, è stato a lungo dimenticato dopo la sua morte, e deve la conservazione della sua memoria, nel bene e nel male, a coloro che lo hanno visto come un antenat in particolare gli anarchici e i geografi.
I primi lo conoscono soprattutto per la sua biografia eroica e per alcune opere teoriche e divulgative
sull’anarchia, ma raramente si interessano alla sua opera scientifica. I secondi lo hanno ignorato per decenni per poi riscoprirlo in ambito francese negli anni ‘70, quando è diventato una specie di “padre spirituale” per le tendenze più “radicali” della disciplina, che però hanno fatto ricorso alla sua autorevolezza senza approfondire più di tanto il lavoro sui suoi testi, cosa che solo negli ultimissimi anni si è cominciato a fare. Ancora meno di Reclus sono noti personaggi come Léon Metchnikoff, Charles Perron, o le stesse opere geografiche di Kropotkin, sul quale quasi nessuno
ha scritto nulla dal punto di vista dei suoi studi geografici.
Questo lavoro vuole essere un tentativo, al di fuori del biografismo o dell’agiografia, di inserire Reclus nel contesto dei geografi anarchici, visto a sua volta nell’ambito delle correnti di pensiero che hanno fondato la geografia moderna a partire da personaggi come Humboldt e Ritter, ai quali tuttora ci dobbiamo riferire per rispondere alla domanda niente affatto banale: che cos’è la
geografia?

Federico Ferretti lavora in un ente locale, ma si occupa da tempo di geografia e di anarchia, dunque era abbastanza scontato che arrivasse a questo lavoro. Oltre che contributi per la stampa anarchica, ha pubblicato articoli di geografia storica sull'Emilia Romagna, e ha collaborato ad iniziative e ricerche del Dipartimento di Discipline Storiche dell'Università di Bologna

 
 
 
 

...

MODO infoshop Interno 4 Bologna Via Mascarella 24/b 40126 Bologna tel. 051/5871012 | info@modoinfoshop.com